|W&W| In viaggio con Obama: verso le presidenziali.


Il 6 novembre si avvicina. Le elezioni presidenziali americane, anche. Romney contro Obama, il bianco contro il nero, il bene opposto al male, il conservatore che si oppone all’innovatore. Diciamoci la verità: ci piace inasprire i toni, far della politica quasi l’unico mezzo di salvezza della collettività. Ma così non è. La sfida per la presidenza della Casa Bianca è un avvenimento politico importante. Importante, come molti altri. Ciò che conta, per esempio per noi italiani, è l’informazione più della partecipazione, l’interessamento più del coinvolgimento. Obama è già il presidente USA, Romney ancora no. E forse non lo diventerà mai, ma questo sarà solo il popolo americano a decretarlo. Inoltre, non è l’unica differenza che separa il “white” dal “black”, perché Barack Hussein Obama è già nel novero della Storia, fra quelli che per primi hanno dato una nuova impronta all’umanità. E che piaccia oppure no, Obama è il primo presidente di colore nella storia degli Stati Uniti. E questo scarto Romney non potrà mai arginarlo, anche se decidesse di tingersi il volto di nero.

C’è chi ha deciso, a proprio rischio e pericolo (economico ed ideologico) di seguire la corsa alle presidenziali da un punto di vista più “umano”. Francesco Paravati e Fabio Badolato, un giornalista ed un producer freelance, sono partiti per l’America seguendo le orme e le speranze degli elettori di Obama. Un Presidente, il suo vastissimo manipolo di fedeli ed in mezzo l’intera landa americana. Se non siete ancora stati “in viaggio con Obama”, forse per voi è il caso di dare uno sguardo al lavoro di Paravati e Badolato.

Il loro lavoro è consultabile qui:

http://inviaggioconobama.myblog.it/politica/

http://www.facebook.com/InViaggioConObamaUsa2012

 

Giulio Marotta